Immigrati: Consulcesi, Italia si impegni per fine guerra Etiopia-Eritrea.

Il governo italiano intervenga presso le autorità internazionali affinchè non si ripeta mai più la strage di immigrati eritrei, che tentano di raggiungere l’Italia per sfuggire alle guerre e alle persecuzioni subite nel loro paese.
E’ l’appello lanciato da Consulcesi, impegnata da anni al fianco dell’Associazione Italia Eritrea (Assiter) per migliorare l’assistenza sanitaria nel Paese. L’associazione, in una nota, chiede “un intervento del mondo politico italiano per il rispetto del trattato di Algeri firmato tra l’Eritrea e l’Etiopia che sanciva una tregua tra i due paesi”.
La guerra di confine tra Etiopia e Eritrea, “ha portato alla morte di circa 19mila soldati eritrei, insieme ad una pesante migrazione delle popolazioni locali, provocando un disastroso contraccolpo economico per il paese. Il governo etiope non ha ritirato il suo esercito dalla città di Badammè, come previsto dalle conclusioni di una commissione indipendente delle Nazioni unite e questa situazione ha portato al rischio di ulteriori conflitti.
Consulcesi annuncia inoltre che avvierà “un’opera di sensibilizzazione rivolta all’opinione pubblica italiana affinchè sia fatta giustizia da parte della comunità internazionale e cessino definitivamente i conflitti tra Etiopia e Eritrea”.

Torna alle news